©2018 by Purple Pulpo. Proudly created with Wix.com

Che cos´é il Jolly Phonics?

Jolly Phonics è il nome di un divertente metodo progettato appositamente per insegnare l’inglese ai bambini nei suoi diversi aspetti. Utilizzato nelle scuole elementari inglesi ed americane già dagli anni ’70, il metodo sta prendendo piede efficacemente anche in Italia.

Jolly Phonics punta a far apprendere ai bambini i 42 suoni (synthetic phonics) della lingua inglese attraverso un procedimento multisensoriale. I suoni vengono insegnati secondo un ordine particolare, e non alfabeticamente, in modo da favorire l’acquisizione di 5 competenze fondamentali di base:

  • apprendere i 42 suoni che le lettere formano;

  • imparare a scrivere le lettere;

  • comprendere la composizione e la formazione delle parole;

  • identificare i suoni nelle parole e quindi lo spelling e la segmentazione, attraverso il “blending”;

  • apprendere le “tricky words” che hanno regole differenti e che vengono insegnate a parte.

L’approccio è multisensoriale: a ogni suono fonetico è associata una canzoncina, una figura o un personaggio e un movimento. I bambini scoprono in maniera graduale i vari suoni, partendo dai più semplici per arrivare ai più complicati. Ciò che maggiormente colpisce di questo metodo è che i bambini giocano, si divertono, cantano e fanno simpatici movimenti con le mani e col corpo e, nel frattempo, apprendono le basi della lingua inglese in maniera non analitica ma sensoriale.

Come funziona il metodo Jolly Phonics?
Il metodo fonetico Jolly Phonics ha quattro obiettivi principali:

  • CONOSCERE I SUONI. Vengono insegnati i 42 suoni fondamentali della lingua inglese (in gruppi di sei suoni). I fonemi sono insegnati in ordine tale per cui dopo il primo gruppo di suoni i bimbi siano in grado di “creare “ e identificare le prime paroline.

  • SCRIVERE LE LETTERE CHE CORRISPONDONO AL SUONO.
    Utilizzando diversi metodi multisensoriali, i bimbi imparano come formare e scrivere correttamente le lettere che rappresentano i singoli suoni. La lettera c è una delle prime introdotte in quanto ha la forma di base per formare altre lettere, per esempio la d.

  • BLENDING: COMPORRE LE PAROLE. Il blending dei suoni verrà inserito dopo che i bimbi hanno imparato 18 suoni ed è una delle aree più delicate del programma. Si tratta del processo tramite il quale il bambino mette in successione i suoni precedentemente imparati per formare una parola. Per esempio: si imparano i suoni d, o, g e quindi si forma la parola dog (d + o + g). Vengono anche introdotti i di-graph ovvero i suoni che sono di fatto composti da due lettere (1 suono=2 lettere; r-ai-n oppure f-ee-t).

  • INDENTIFICARE I SUONI NELLE PAROLE. Questa rappresenta l’abilità speculare rispetto al Blending, e ne integra l’obiettivo di conoscere i suoni, leggere e scrivere. Il bambino identifica singoli suoni compongono una parola: dapprima si parte in modo giocoso con parole semplici con 3 lettere: cat, hot.

 

Training

 
ink-2229457_1920.jpg

Purple Pulpo, Jolly Phonics and Jolly Grammar training is available in many countries. The training enables practitioners, educators, teachers and parents to learn the method and use it at home or in their classroom.

The 5 key skills are identified and explained, with demonstrations on how to implement the method alongside your class materials.

For further information, please contact:

purplepulpo1@gmail.com